41a edizione Campionati Italiani Individuali Master

Irene Messina Parolino

41a edizione Campionati Italiani Individuali Master

Rieti, 9/12 settembre 2021

LA SICILIA VENTI VOLTE D’ORO

di Michelangelo GranataBelluomo Gianfranco Rieti

Nelle foto: Irene Messina e Giusy Parolino; il siepista Gianfranco Belluomo.

La 41a edizione dei Campionati Italiani Master a Rieti, la prima a Bormio nel 1981, si è dipanata in quattro intense e lunghe giornate di gare e ha rinvigorito l’attività di questi irriducibili atleti - 1200 iscritti e quasi 400 Società rappresentate - con

undici nuove migliori prestazioni nazionali e due siciliane. Una per tutte, la triestina Nives Fozzer (Nuova Atletica dal Friuli), 91 anni, che rivedremo presto qui a Catania, martello SF90 a 14,95, il personaggio assoluto dell’intera rassegna con ben cinque titoli italiani, oltre al martello, peso 5,30, disco 9,55, giavellotto 8,24 e martellone 6,23.

I siciliani hanno conquistato 42 medaglie, 32 gli uomini e 10 le donne: 20 d’oro, 13 d’argento, 9 di bronzo, conteggiando pure i nostri atleti che gareggiano con Società non siciliane. Irraggiungibile il miglior totale di sempre a Cosenza 2011, quando si toccò la bella cifra di 58 medagliati, rispettivamente 25, 17 e 16.

Assenti per vari motivi i due atleti della Puntese San Giovanni La Punta, Giuseppe Distefano e l’agrigentino Calogero Scordino, grandi produttori di titoli italiani, i lanciatori non sono stati da meno. Prima le donne, fra tutte, l’allieva del clarentino, la tenace Irene Messina (Scuola di Atl. Leggera Catania), definita la «Signora dei lanci», pur non avendo in questi ultimi tempi un campo idoneo dove allenarsi, per lei quattro ori SF40, venerdì 10 settembre, la mattina il disco (30,18) e il pomeriggio il peso (9,63); sabato 11, il martello (42,49); domenica 12, il martello maniglia corta (11,73). Irene lo scorso anno ad Arezzo si era limitata al martello (44,33) e al disco (34,95). Per la compagna, l’agrigentina Giusy Parolino (SF50), quinto titolo di fila nel giavellotto con la migliore prestazione regionale di 31,96, dopo Orvieto 2017 (25,86), Arezzo 2018 (29,56 MPR), Campi Bisenzio 2019 (27,01) e Arezzo 2020 (27,63). Doppietta della siracusana Giuseppina Malerba, accasata con la Sef Macerata, l’eterna saltatrice si aggiudica da SF50, sabato il lungo con 4,70 e domenica il triplo con 9,65. La siracusana è ancora primatista come SF35 nel 2007, lungo a 5,44 e triplo 11,72, allora con la Pol. Europa Capaci.

Continuando con le medaglie d’oro, tre volte campione italiano SM35 Davide Luca dell’Indomita Torregrotta, martello 29,92, martellone 9,94 e giavellotto 32,06. Per il palermitano Emanuele Tortorici (SM50) dell’Atl. Sandro Calvesi Aosta, peso (12,32) e martello m.c. (15,41); Francesco Di Leonardo (La Fratellanza Modena), lungo SM45 a 5,70. Gianfranco Belluomo (Puntese San Giovanni La Punta) e le siepi, un peccato di gioventù, quando diciannovenne nel 1979 correva in 9’43”4 sui 3000 m e in 6’04”8 sui 2000 siepi. A Rieti vince a mani basse il titolo SM60 su quest’ultima distanza, 7’31”55 MPR, meglio del suo 7’40”36 ad Enna il 28 agosto.

Non finisce di stupire Nicola Cutrono dell’Universitas Palermo, 2’00”46 negli 800 m SM35, ricordiamo che il parchitano a Campi Bisenzio nel 2019 quando vinse la medaglia d’oro nei 1500 m SM35 in 4’10”13, ai 300, dalla sesta posizione rimontò tutti e negli ultimi metri bruciò pure il primo. Nessun paragone per carità, pensiamo all’olimpionico di Monaco 1972, Dave Wottle, negli 800 m. Completiamo con la bella gara di Salvatore Bonanno SM35 dell’Atl. Amatori Regalbuto, stampa 51”58 nei 400; i due atleti della Puntese, il netino Giuseppe Turco (SM70), 800 m in 2’47”56 e il palermitano Ignazio Manfrè (SM65), 1,40 nell’alto; i due SM40 dell’Atl Partinico, Salvatore Parrino, 12,66 nel triplo e Antonino Viola, 37.94 nel disco.

TUTTI I RISULTATI DEI SICILIANI

Donne (8 medaglie: 5 oro - 1 argento - 2 bronzo)

1. Irene Messina 1980 SF40 (Scuola di Atl. Leggera Catania) Peso 9,63

Campionessa italiana

1. Irene Messina 1980 SF40 (Scuola di Atl. Leggera Catania) Disco 30,18

Campionessa italiana

1. Irene Messina 1980 SF40 (Scuola di Atl. Leggera Catania) Martello m.c. 11,73

Campionessa italiana

1. Irene Messina 1980 SF40 (Scuola di Atl. Leggera Catania) Martello 42,49

Campionessa italiana

1. Giusy Parolino 1967 SF50 (Scuola di Atl. Leggera Catania) Giavellotto 31,96 MPR

Campionessa italiana

2. Teresa Latella 1973 SF45 (Pod. Messina) 400 m 1’05”34

3. Teresa Latella 1973 SF45 (Pod. Messina) 800 m 2’34”72

3. Melissa Lionti 1977 SF40 (Atl. Enna) 5000 m 21’46”32

4. Anna Maria Famea 1966 SF55 (Pod. Pattese) Marcia 5000 m 33’39”54

4. Francesca Cicciarella 1982 SF35 (Milone Siracusa) Lungo 3,75

9. Teresa Latella 1973 SF45 (Pod. Messina) 200 m 30”10 (3. serie 1) +1,9

10. Melissa Lionti 1977 SF40 (Atl. Enna) 1500 m 5’58”22

Uomini (25 medaglie: 10 oro - 9 argento - 6 bronzo)

1. Salvatore Bonanno 1986 SM35 (Atl. Amatori Regalbuto) 400 m 51”58

Campione italiano

1. Nicola Cutrono 1982 SM35 (Universitas Palermo) 800 m 2’00”46

Campione italiano

1. Giuseppe Turco 1948 SM70 (Puntese S.G. La Punta) 800 m 2’47”56

Campione italiano

1. Gianfranco Belluomo 1960 SM60 (Puntese S.G. La Punta) 2000 m siepi 7’31”55 MPR

Campione italiano

  1. Ignazio Manfrè 1953 SM65 (Puntese S.G. La Punta) Alto 1,40

Campione italiano

1. Salvatore Parrino 1978 SM40 (Atl. Partinico) Triplo 12,66

Campione italiano

1. Antonino Viola 1977 SM40 (Atl. Partinico) Disco 37,94

Campione italiano

1. Davide Luca 1982 SM35 (Indomita Torregrotta) Martello m.c. 9,94

Campione italiano

1. Davide Luca 1982 SM35 (Indomita Torregrotta) Martello 29,92

Campione italiano

1. Davide Luca 1982 SM35 (Indomita Torregrotta) Giavellotto 32,06

Campione italiano

2. Salvatore Bonanno 1986 SM35 (Atl. Amatori Regalbuto) 100 m 11”85 (2. serie 2) -1,5

2. Salvatore Bonanno 1986 SM35 (Atl. Amatori Regalbuto) 200 m 23”30 (2. serie 2) +0,1

2. Giuseppe Turco 1948 SM70 (Puntese S.G. La Punta) 1500 m 6’07”32

  1. Gianfranco Belluomo 1960 SM60 (Puntese S.G. La Punta) 5000 m 18’29”24

2. Mariano Di Mauro 1984 SM35 (Lib. Running Modica) Lungo 5,72

  1. Ignazio Manfrè 1953 SM65 (Puntese S.G. La Punta) Lungo 4,49

2. Davide Luca 1982 SM35 (Indomita Torregrotta) Peso 11,47

2. Antonino Viola 1977 SM40 (Atl. Partinico) Peso 11,89

2. Francesco La Versa 1986 SM35 (Atl. Mondello) Disco 31,04

3. Ettore Rivoli 1958 SM60 (Lib. Atl. Bellia Piazza Armerina) 1500 m 5’00”92

3. Santi Caniglia 1948 SM70 (Pol. Lib. Militello) 1500 m 6’09”03

3. Davide Luca 1982 SM35 (Indomita Torregrotta) Disco 30,32

3. Gaetano Marchese 1966 SM55 (Puntese S.G. La Punta) Martello m.c. 12,76

3. Gaetano Marchese 1966 SM55 (Puntese S.G. La Punta) Martello 39,25

3. Davide Le Donne 1965 SM55 (Atl. Villafranca) Giavellotto 39,04

4. Alessandro Zapparata 1980 SM40 (Milone Siracusa) 200 m 25”28 (4. serie 3) +0,8

4. Antonino Liuzzo 1979 SM40 (Running Emotion Pozzallo) 1500 m 4’11”99

4. Michele Palermo 1968 SM50 (Track Club Master Caltanissetta) 400 m ostacoli 1’04”99

4. Davide Le Donne 1965 SM55 (Atl. Villafranca) Disco 36,64

4. Antonio Ciccia 1963 SM55 (Puntese S.G. La Punta) Martello m.c. 11,58

4. Antonio Ciccia 1963 SM55 (Puntese S.G. La Punta) Martello 33,35

5. Michelangelo Salvadore 1967 SM50 (Indomita Torregrotta) 5000 m 18’45”67

  1. Ignazio Manfrè 1953 SM65 (Puntese S.G. La Punta) Triplo 8,41

6. Alessandro Zapparata 1980 SM40 (Milone Siracusa) 100 m 12”58 (6. serie 3) -1,4

6. Ettore Rivoli 1958 SM60 (Lib. Atl. Bellia Piazza Armerina) 800 m 2’25”09

6. Santi Caniglia 1948 SM70 (Pol. Lib. Militello) 800 m 3’14”14

7. Nicolò La Spina 1956 SM65 (Pol. Lib. Militello) 1500 m 6’33”28

7. Davide Le Donne 1965 SM55 (Atl. Villafranca) Peso 9,86

8. Nicolò La Spina 1956 SM65 (Pol. Lib. Militello) 800 m 3’04”85

8. Salvatore Parrino 1978 SM40 (Atl. Partinico) Lungo 4,87

12. Michelangelo Salvadore 1967 SM50 (Indomita Torregrotta) 1500 m 4’52”43

12. Calogero Di Gioia 1982 SM40 (Universitas Palermo) 5000 m 17’15”29

14. Calogero Di Gioia 1982 SM35 (Universitas Palermo) 1500 m 4’48”04

17. Michele Palermo 1968 SM50 (Track Club Master Caltanissetta) 400 m 1’00”62 (3. serie 2)

squal. Sebastiano Barone 1969 SM50 (Pol. Lib. Militello) Marcia 5000 m -

rit. Massimiliano Vitale 1976 SM45 (Atl. Amatori Regalbuto) 5000 m -

ATLETI TESSERATI CON SOCIETÀ NON SICILIANE

Donne (2 medaglie d’oro)

1. Giuseppina Malerba 1970 SF50 (Sef Macerata) Lungo 4,70

Campionessa italiana

1. Giuseppina Malerba 1970 SF50 (Sef Macerata) Triplo 9,65

Campionessa italiana

4. Daniela Aliquò 1963 SF55 (Liberatletica Roma) 1500 m 5’40”52

Uomini (7 medaglie: 3 oro - 3 argento - 1 bronzo)

1. Francesco Di Leonardo 1974 SM45 (La Fratellanza Modena) Lungo 5,70

Campione italiano

1. Emanuele Tortorici 1967 SM50 (Atl. Sandro Calvesi Aosta) Peso 12,32

Campione italiano

1. Emanuele Tortorici 1967 SM50 (Atl. Sandro Calvesi Aosta) Martello m.c. 15,41

Campione italiano

  1. Santi Santangelo 1952 SM65 (Atl. Casone Noceto) 300 m ostacoli 58”09

2. Emanuele Tortorici 1967 SM50 (Atl. Sandro Calvesi Aosta) Disco 36,47

2. Emanuele Tortorici 1967 SM50 (Atl. Sandro Calvesi Aosta) Martello 42,98

3. Santi Santangelo 1952 SM65 (Atl. Casone Noceto) 2000 m siepi 8’27”38

4. Francesco Di Leonardo 1974 SM45 (La Fratellanza Modena) 100 m 11”93 +0,4

5. Francesco Di Leonardo 1974 SM45 (La Fratellanza Modena) 200 m 24”91 -0,3

6. Giuseppe Affabile 1975 SM45 Atl. Castenaso Celtic Druid Bo 1500 m 4’37”72

8. Giuseppe Affabile 1975 SM45 Atl. Castenaso Celtic Druid Bo 800 m 2’12”12

IL TREND DEI SICILIANI NEGLI ULTIMI 24 ANNI

Nell’ordine: Oro - Argento - Bronzo - Totale

Viareggio 1998: 5 - 3 - 2 = 10

Formia 1999: 7 - 17 - 10 = 34

Milano 2000: 6 - 7 - 2 = 15

Salerno 2001: 15 - 11 - 6 = 32

Fiuggi 2002: 8 - 14 - 4 = 26

Torino 2003: 9 - 8 - 4 = 21

Caorle 2004: 12 - 10 - 5 = 27

Comacchio Fe 2005: 14 - 10 - 8 = 32

Misano Adriatico 2006: 11 - 9 - 10 = 30

Milano 2007: 10 - 7 - 5 = 22

Bressanone 2008: 5 - 7 - 3 = 15

Cattolica 2009: 11 - 11 - 9 = 31

Roma 2010: 19 - 11 - 8 = 38

Cosenza 2011: 25 - 17 - 16 = 58

Comacchio Fe 2012: 12 - 8 - 3 - 23

Orvieto Tr 2013: 10 - 3 - 13 = 26

Modena 2014: 16 - 6 - 5 = 27

Cassino Fr 2015: 12 - 9 - 5 = 26

Arezzo 2016: 14 - 6 - 6 = 26

Orvieto 2017: 18 - 8 - 12 = 38

Arezzo 2018: 18 - 7 - 5 = 30

Campi Bisenzio 2019: 17 - 16 - 11 = 44

Arezzo 2020: 15 - 7 - 9 = 31

Rieti 2021: 15 - 10 - 8 = 33

Share