La scomparsa di Angelo Vecchio

Angelo1

CI LASCIA ANGELO VECCHIO

Un Angelo con le ali

(Catania, 26 aprile 1948 - †17 agosto 2021)

di Michelangelo Granata

Una notizia che sconvolge tutta l’atletica siciliana. A 73 anni ci lascia una delle più belle figure della nostra atletica leggera, amabile come pochi, per il salto più in alto della sua vita, fino in Paradiso. E la Fidal Catania viene colpita da quest’altro grande lutto, dopo quello di Isidoro Mascali, il re dei lanci, il 17 luglio scorso.

Uomo e atleta dal grande animo, sempre pronto con il suo sorriso e vivo nei nostri cuori il suo eterno stile ventrale. E dire che fino a qualche mese fa diceva a Roberto De Leo, pure lui saltatore e suo medico curante, di voler tornare al suo grande amore, l’alto, si sarebbe accontentato pure di superare l’asticella posta a 1,20.Angelo2

Angelo, nato a Catania il 26 aprile 1948, era tra gli atleti etnei più longevi, una spanna appena sopra di lui si collocavano Isidoro Mascali (classe 1939) e Carmelo Sardo (1945), il primo martellista e l’altro mezzofondista, il discobolo (ex decathleta) clarentino Giuseppe Distefano (1941). Sedicenne saltava a 1,65 e pertanto poteva vantare una carriera lunga un arco temporale di 55 anni (1964-2019), interrotta solo dal 1973 al 1979 e se si aggiunge che la sua specialità del salto in alto è logorante, come nessun’altra, il tutto sa dell’incredibile.

LA CRONACA DEL 19 APRILE 1970 AL CAMPO SCUOLA DI CATANIA

Un’intensa giornata di atletica che ha visto impegnato il Campo Scuola di via Grasso Finocchiaro sia la mattina che il pomeriggio. Il risultato più incandescente è scaturito però nelle gare pomeridiane di contorno alle prove regionali di marcia dell’ora e mezza e delle due ore. Angelo Vecchio dell’Us Mongibello di Vittorio Pistritto ha stabilito il nuovo primato regionale Assoluto nel salto in alto a quota 1,91. L’atleta, entrato in gara a 1,80, dopo che erano stati eliminati a 1,75 Franco Bandieramonte e Patti, superava 1,86 e 1,88, migliorando il precedente record provinciale che gli apparteneva con 1,85. Tentava quindi 1,91 e alla seconda prova saliva oltre l’asticella.

Il nostro amato campione, di professione chimico, vedovo, due figli, Giovanna ed Emanuele, possedeva il dono dell’eclettismo, tanto da praticare pure windsurf, canoa, pesca subacquea in apnea e dal 1975 judo non agonista, dove ricopriva il grado di cintura nera quinto dan. Ritornando all’alto, Angelo ha scalato la vetta a 1,91 il 19 aprile 1970. La leggenda narra che quel giorno uno spettatore in tribuna al campo scuola di via Grasso Finocchiaro a Catania spense la radiolina per non disturbare la concentrazione del saltatore e Alfio Vittorio Pistritto, il suo allenatore, presidente della «Mongibello», si commosse sino alle lacrime. Angelo aveva stabilito il nuovo primato siciliano assoluto, un centimetro in più del precedente fissato a 1,90 dal messinese Santo Tiano il 27 ottobre 1963 a Palermo ed eguagliato due anni dopo, sempre nel capoluogo dell’isola, dal palermitano Giuseppe Di Natale l’11 aprile 1965. Tra i suoi dieci migliori risultati figurano poi, oltre al tetto di 1,91, 1,87 (1972), 1,85 sei volte (cinque nel 1970 e una nel 1972), 1,84 (1969) e 1,82 (1969).

Passato amatore nel 1980, Angelo ha collezionato altri numeri da stordire: 26 salti a 1,75 o misure superiori sino al 2001, una costanza di rendimento ineguagliabile lunga ben 22 stagioni, come se si fosse appollaiato, nonostante il trascorrere degli anni, sempre alla stessa altezza. Cifre parlanti, l’Angelo che vola, raccontato del suo record assoluto, ha stabilito tutti i primati siciliani in ogni categoria nella quale man mano è entrato, a partire dalla M30 con 1,76 nel 1981. Più grandetto come M35 nel 1983 limite eguagliato a 1,75; M40 nel 1988 ancora 1,75, nel 1989 1,76, nel 1990 1,77; M45 nel 1993 1,75, nel 1995 1,76; M50 nel 2000 1,75, nel 2001 1,76; M55 nel 2003 1,70; M60 nel 2008 1,61; M65 nel 2013 1,42. Il 18 maggio 2008 ai C.d.S. Assoluti di Catania, 22 giorni dopo il suo ingresso nella nuova categoria M60, ha eguagliato con 1,60 la miglior prestazione italiana, alla pari di Lamberto Boranga, l’ex portiere di Foligno (30 settembre 2006 a Ostia), fallendo 1,70. Meno di un mese più avanti, l’ultimo record di 1,61, l’1 giugno a Catania, in occasione dei Campionati Regionali Individuali Amatori/Master, nuovo primato italiano M60.

Nel pingue carniere del nostro grande atleta vi si trovano 29 medaglie raccolte ai vari Campionati italiani Amatori/Master dal 1980 al 2006: 22 d’oro, 4 d’argento e 3 di bronzo. Angelo atleta indistruttibile in pedana, soleva dire, scherzando: «sono tutto rotto».

Ai familiari, i figli, Giovanna ed Emanuele, l’ideale abbraccio di tutta la Fidal Catania, il Presidente, Giuseppe Sciuto, il vice Giacinto Bitetti, i Consiglieri, il Segretario; il Gruppo Giudici Gare con Agata Fonte e il G.G.G. «Alfio Vittorio Pistritto» con Giuseppe Miraldi, i Dirigenti.

 

I funerali di Angelo Vecchio avranno luogo giovedì 19 agosto alle ore 16,30 nella Chiesa Santa Maria della Consolazione in via Milo.

Tutte le medaglie di Angelo

ai Campionati Italiani Amatori/Master

(22 d’oro - 4 d’argento - 3 di bronzo)

- Viareggio, 21/06/1980 Indiv. 1,75 3° M30

- Firenze, 14/02/1987 Indoor 1,73 1° M35

- Cagliari, 10/10/1987 Imitt 1,70 1° M35

- Verona, 27/06/1988 Imitt 1,65 1° M40

- Torino, 25/02/1989 Indoor 1,68 2° M40

- Cesenatico, 16/09/1989 Indiv. 1,73 1° M40

- Torino, 03/03/1990 Indoor 1,71 2° M40

- Cesenatico, 15/09/1990 Indiv. 1,66 1° M40

- Torino, 24/02/1991 Indoor 1,69 2° M40

- Cesenatico, 21/09/1991 Indiv. 1,70 2° M40

- Verona, 23/02/1992 Indoor 1,74 1° M40

- Viareggio, 19/09/1992 Indiv. 1,64 1° M40

- Montecatini, 11/10/1992 C.d.S. 1,72 3°

- Firenze, 06/02/1993 Indoor 1,74 1° M45

- Cesenatico, 11/09/1993 Indiv. 1,68 1° M45

- Caorle, 17/09/1994 Indiv. 1,67 1° M45

- Napoli, 18/02/1995 Indoor 1,74 1° M45

- Cesenatico, 22/09/1995 Indiv. 1,74 1° M45

- Cesenatico, 29/06/1996 Indiv. 1,69 1° M45

- Formia, 28/09/1996 C.d.S. 1,72 3°

- Cesenatico, 12/09/1997 Indiv. 1,66 1° M45

- Napoli, 01/02/1998 Indoor 1,60 1° M50

- Viareggio, 20/06/1998 Indiv. 1,66 1° M50

- Formia, 19/06/1999 Indiv. 1,66 1° M50

- Marina di Pietrasanta, 30/09/2000 C.d.S. 1,69 1°

- Salerno, 26/05/2001 Indiv. 1,66 1° M50

- Cesenatico, 27/09/2003 C.d.S. 1,66 1°

- Formia, 02/10/2004 C.d.S. 1,63 1°

- Misano Adriatico, 11/06/2006 Indiv. 1,57 1° M55

 

Tutti i 26 salti di Angelo a 1,75 e oltre

dal 1980 - primo anno amatore

1 - 1,77 20/04/1985 Fidal

2 - 1,77 11/02/1990 M40 PR

3 - 1,76 08/11/1981 M30 PR

4 - 1,76 12/03/1989 M40 PR

5 - 1,76 26/03/1995 M45 PR

6 - 1,76 02/06/2001 M50 PR

7 - 1,75 21/06/1980 M30

8 - 1,75 10/05/1981 M30

9 - 1,75 25/04/1982 M30

10 - 1,75 10/07/1982 M30

11 - 1,75 16/10/1982 M30

12 - 1,75 14/05/1983 M30 PR eg.

13 - 1,75 05/05/1985 M35

14 - 1,75 03/05/1986 M35

15 - 1,75 18/05/1986 M35

16 - 1,75 17/04/1987 Fidal

17 - 1,75 11/07/1987 M35

18 - 1,75 30/10/1988 M40 PR

19 - 1,75 20/05/1989 M40

20 - 1,75 10/06/1989 M40

21 - 1,75 02/07/1990 M40

22 - 1,75 02/09/1990 M40

23 - 1,75 27/04/1991 M40

24 - 1,75 27/06/1993 M45 PR

25 - 1,75 08/07/2000 M50 PR

26 - 1,75 16/06/2001 M50

 

SALTO IN ALTO - I MIGLIORI DI SEMPRE IN ITALIA

15° come SM45 nel 1995, 5° SM50 nel 2001, 6° SM55 nel 2003, 1° p.m. SM60 nel 2008 e 5° SM65 nel 2013.

Nella foto: Angelo Vecchio stabilisce la migliore prestazione italiana SM60 con 1,61, l'1 giugno 2008 a Catania, in occasione dei Campionati Regionali Individuali Amatori/Master.

Share