UN RICORDO DI SALVATORE DI NATALE

DiNatale1UN RICORDO DI SALVATORE DI NATALE
A un anno dalla sua scomparsa
di Michelangelo Granata
(Siracusa, 9 marzo 1949 - †Catania, 10 luglio 2017)

Un anno è trascorso dalla sua scomparsa e tutta la Fidal Catania, il Gruppo Giudici di Gara «Alfio Vittorio Pistritto», lo ricorda con immenso affetto e una bellissima foto nel Teatro di Trecastagni il 16 dicembre 2014, attorniato dalle colleghe che ti festeggiano.

Eri felice, tra poco Maria Tringale ti avrebbe consegnato la Benemerenza di 1° grado per i particolari meriti acquisiti durante un lungo periodo di attività a favore dell'Atletica Leggera.

Nell'immagine traspare intenso il tuo animo generoso, commuove quanto hai saputo dare

al nostro Gruppo in 33 anni con la tua preparazione attenta e scrupolosa.

Salvatore Di Natale, nato a Siracusa il 9 marzo 1949, compie gli studi a Siracusa sino al Liceo, poi si laurea in Matematica a Catania, città dove si trasferisce nel 1976.

Vice Preside all'Istituto Guglielmo Marconi di Catania, ha formato intere generazioni di ragazzi nello studio rigoroso della matematica. Una bella persona, sempre disponibile, misurato, gentile. Un suo allievo lo ricorda come «un uomo onesto, umile, intelligente».

Pratica il calcio a livello giovanile e segue al Cibali la squadra del Catania. Il 22 dicembre 1983 appare su «La Sicilia» la notizia di un corso per Giudici di atletica con inizio il 10 gennaio 1984. Così nel 1984, Presidente della Fidal Catania, Mario Catricalà, s'iscrive al corso come Giudice di Gara, che inizia il 10 gennaio, tenuto da Ugo Politti, il suo grande Maestro.

Gli esami si svolgono il 21 marzo 1984 nella sede del Coni e della Fidal in corso delle Province n. 116 con Ugo Politti, Marco Mannisi, Francesco Biondi e il Fiduciario Provinciale, Vittorio Pistritto.   DiNatale2

Si tessera come Amatore e disputa le gare di mezzofondo prolungato su tutti i terreni. Dallo sport attivo passa a quello dirigenziale dopo aver conosciuto Politti, colui che ha dato vita all'attività amatoriale e Michelangelo Granata, suo compagno di corso. Consigliere del Comitato provinciale, diviene per un anno il Fiduciario provinciale degli Amatori, fa parte dell'organizzazione del Trofeo Sant'Agata, del ViviCittà, dei vari Meeting nazionali e internazionali che si disputano a Catania.

Il suo inizio come Giudice è scoppiettante, tanto da essere convocato ai Campionati Mondiali Master di Roma 1985, per due anni consecutivi ai Giochi della Gioventù a Roma, Universiadi a Catania. UGR dall'1 gennaio 1989 e Giudice di Partenza dal 1994.

Lo stesso Salvatore sottolineava: «Sembrava l'inizio di una brillante carriera, ma poi si è bloccato tutto. Come negli eventi della vita, cambia la governance e finisce tutto».

Successore di Agata Fonte - che in otto anni aveva fatto risorgere il nostro glorioso Gruppo Giudici Gare - con grande animo e con la sua generosità, aveva in mente numerosi progetti. Purtroppo il nostro amato Salvo dopo aver presenziato alle prime gare come nuovo Fiduciario, eletto il 12 febbraio 2017, il 5 aprile a Zafferana Etnea e tre giorni dopo a Misterbianco si è dovuto arrendere nel volgere di tre mesi a 68 anni al male che l'ha colpito.

Share